Worldreader: libri per tutti

L’istruzione è un diritto. Lo stabilisce la Convenzione ONU per i Diritti dell’Infanzia e lo sostiene Worldreader, associazione no-profit che opera da parecchi anni nella lotta all’analfabetismo nei paesi in via di sviluppo. Grazie ai suoi programmi già 12.000 bambini dell’Africa subsahariana, le loro famiglie e i loro insegnanti utilizzano gli e-reader come alternativa ai libri cartacei: strumenti messi a disposizione delle scuole e delle biblioteche di paesi come Kenya, Ghana, Uganda, Rwanda, Zimbabwe, Zambia, Malawi, Sudafrica e Tanzania e che stanno portando grandi risultati e miglioramenti nell’abilità di lettura.

worldreader

A dare man forte a questo progetto ci sono organizzazioni importanti, come Bill e Melinda Gates Foundation, che ha recentemente donato alle biblioteche del Kisumu 250 e-readers, grazie ai quali i giovani lettori potranno accedere a 50.000 testi di narrativa, racconti, libri di fiabe e manuali.

worldreaderQuesta è solo una delle interessanti partnership in essere. Il presidente e co-fondatore di Wordlreader, David Risher, ex dipendente di Microsoft e Amazon, ha convinto il colosso americano del commercio elettronico a donare 900 Kindle con custodia rinforzata e ha coinvolto nel suo progetto anche grandi editori come Simon and Schuster e Penguin che hanno deciso di rendere accessibili – gratuitamente – alcuni dei loro libri per ragazzi, per aiutare la scolarizzazione in queste regioni del mondo.

Dovremmo fermarci un attimo a riflettere su quanto siano importanti l’istruzione e la scolarizzazione, così snobbate e bistrattate nel nostro paese. Pensare alla fortuna che abbiamo – e che speriamo avranno anche i nostri figli – nel poter accedere con estrema facilità a qualsiasi scuola o istituto per la formazione.

A quanto tutto ciò vada preservato dalle lotte di potere, anche la semplice lettura, che può contribuire a sviluppare le nostre potenzialità e la nostra cultura e che ci rende indipendenti e liberi di scegliere e decidere.

Add Comment

Acconsento al trattamento dei miei dati secondo quanto esplicitato nella Privacy Policy

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: