Tardi ti ho amato – Ethel Mannin

tardi ti ho amatoAutore: Ethel Mannin
Titolo: Tardi ti ho amato
Titolo originale: Late have I loved thee
Genere: Letteratura straniera
Data prima pubblicazione: (in Italia nel 2014)
355 pagine
Prezzo copertina: 10,90 €

Questo è uno dei libri consigliati da papa Francesco, pubblicati nella collana del Corriere della Sera qualche mese fa. Ed è un libro veramente profondo. Emozionante, spirituale, edificante: questo libro fa riflettere sulla vita, sulla fede e sull’amore. Ed è un libro difficile da dimenticare.

Non vi nego che ho pianto, leggendolo. Soprattutto nelle pagine di passaggio tra la prima e la seconda parte. È un libro forte, potente, che fa pensare. E per chi crede, è un libro che mette alla prova.

«In questo mondo non serve credere in Dio, nel peccato, nel castigo: creiamo da soli il nostro paradiso, e così il nostro inferno, fatto quasi sempre di egoismo e stupidità. Per il materialista, l’infelicità è peccato perché è il contrario della vita, e dunque male. Come la felicità, cioè la vita buona, ha in sé il proprio premio, così l’infelicità – tutto quanto si oppone a una vita vissuta pienamente – reca in sé il proprio castigo. E non si dà assoluzione o espiazione. Pertanto, se sei un materialista, non ti resterà che chiuderti nell’inferno da te stesso creato. Non c’è salvezza. Dio è un nome da invocare nella disperazione, mentre per i credenti è speranza. Che grande conforto deve essere, pensò, incerta tra rimpianto e asprezza, potersi rifugiare nelle dottrine della Chiesa Cattolica, così comode, così confortanti…»

L’abilità di Ethel Mannin – autrice inglese mai prima d’ora tradotta in italiano – sta nel saper raccontare una storia e nel farti sentire partecipe di essa. Non ci sono descrizioni troppo particolareggiate, né psico-analisi così profonde. C’è solo il racconto di una vita e dei suoi problemi: dolore, rimorso, morte, infelicità, fragilità, superficialità.

L’introspezione di Francis Sable vi aiuterà a guardarvi dentro, a capire cos’è davvero importante, a dare valore alle cose semplici, a ringraziare per ogni giorno su questa terra.

Tardi ti ho amato è un romanzo di formazione, di crescita interiore. È il libro giusto per rialzarsi dopo una caduta. In particolare nella seconda parte del romanzo, Mannin si rifà spesso alle Confessioni di Sant’Agostino – da cui è tratto anche il titolo stesso, ma non prendetelo per un libro religioso. La fede, sì, è protagonista, ma è quella Verità che se non credete in Dio potete riconoscere in qualcos’altro, l’importante è che sia il faro che vi guida nella vita, che vi porta verso il bene e che vi aiuta a trovare voi stessi.

«La religione è un rifugio comodo per gli infelici i quali, avendo in questa vita poca o nessuna gioia, proiettano ogni speranza nell’al di là».

Add Comment

Acconsento al trattamento dei miei dati secondo quanto esplicitato nella Privacy Policy

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: