Curare la tristezza con un libro (o più di uno)

Quando siamo tristi abbiamo solo bisogno di immergerci completamente in altrettanta tristezza. Tendiamo a confrontare il nostro stato d’animo con chi ha provato le stesse cose, consolandoci di non essere soli. Sarà sicuramente capitato anche a te, di ascoltare canzoni che sai già ti faranno piangere, per cercare di alleviare o almeno di sfogar fuori questo sentimento, immergendoti in qualcosa di altrettanto triste. Ecco, questa cosa puoi farla anche con i libri.

Cosa fare quando si è tristi? Leggere un libro!

Per curare la tristezza con la libroterapia Ella Berthoud e Susan Elderkin, autrici di Curarsi con i libri, ci consigliano “Le bestiali beatitudini di Balthazar B.” di J. P. Donleavy.

Le bestiali beatitudini di Balthazar B. – J.P. Donleavy (Garzanti)

Un romanzo così intriso di tristezza […] che questa emozione sembra uscire dalla pagina per osmosi e mescolarsi alla nostra, dandoci un po’ di conforto nell’inevitabile consapevolezza che, a questo mondo, la profonda tristezza esiste.

Nonostante le continue sfortune e gli sconforti, Balthazar sa prendere tutto con una sottile venatura di umorismo, l’unico ingrediente in grado di fargli sopportare le avversità e sconfiggere – o almeno resistere – la tristezza.

Come combattere la tristezza?

Certo, così sembra tutto facile, ma curare la tristezza è una vera impresa. Soprattutto se essa è collegata a un lutto, intensificata dagli attacchi di panico o causa/conseguenza di un’angoscia esistenziale che ci sovrasta.

La tristezza poi va spesso a braccetto con la solitudine. E anche qui ci sono tanti consigli di lettura che possono venire in vostro aiuto.

Il rimedio più efficace, a mio avviso, è quello di voltare pagina. Cercare di dare una svolta alla propria vita, rimboccarsi le maniche e ripartire da zero. Ovvio, non è semplice e non siamo sempre pronti a scattare sull’attenti. A volte siamo ripiegati su noi stessi e prima di riuscire ad alzarci dobbiamo imparare a muovere le articolazioni, stirare i tendini, appoggiare i piedi e le mani per rialzarci. Un po’ come quando ti si informicola un arto e devi ricominciare a muoverlo un po’ alla volta. 

A me sono serviti molto questi 3 libri, che ti consiglio.

E voi, quando siete tristi, cosa leggete? Avete mai sperimentato una seduta di libroterapia per combattere la tristezza?

Add Comment

Acconsento al trattamento dei miei dati secondo quanto esplicitato nella Privacy Policy

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: