Libroterapia – Sentirsi un idiota

«Nella stanza si fa silenzio, e vi ritrovate sotto gli occhi di tutti. Vi accorgete di essere l’unico a non capire cosa c’è di strano in quello che avete appena detto. Poi il primo si mette a ridere, e a uno a uno tutti gli altri lo imitano. Vi sentite avvampare e subito dopo provate un senso di vergogna che vi fa, invece, gelare il sangue. Non ridono con voi, ridono di voi.
Ci siamo passati tutti. Sentirsi un idiota è inevitabile quasi come innamorarsi».

Inizia così il paragrafo di Curarsi con i libri dedicato ai rimedi contro il “sentirsi un idiota”. Ma quali saranno i libri per superare questa strana e spiacevole sensazione?

idiozia

Ella Berthoud e Susan Elderkin ci consigliano, come era facilmente intuibile, L’idiota di Fedor Dostoevskij. Il principe Myskin non è un idiota in senso letterale, quanto più dal punto di vista sociale. Egli, infatti, è estraneo a quelli che sono i meccanismi che regolano la società e a noi lettori non può che suscitare affetto e amore. Stessa cosa succede leggendo Il cavaliere inesistente di Italo Calvino. Il povero contadino Gurdulù confonde la sua identità con quella degli altri – siano essi animali o cose – e l’unica cosa che ciò ha di positivo è che «gli resta sempre la possibilità di incontrare qualcuno che gli insegni a crescere».

A voi è mai capitato di trovarvi in una situazione del genere? Di sentirvi in totale imbarazzo in mezzo agli altri? Come avete risolto?

Add Comment

Acconsento al trattamento dei miei dati secondo quanto esplicitato nella Privacy Policy

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: