Libroterapia – Perdita di appetito

Vi è mai capitato di leggere una ricca descrizione di una tavola imbandita, di un pranzo sontuoso o di una cena piena di leccornie e di sentire brontolare la pancia? Era un chiaro esempio di come i libri possono curare anche i disturbi più semplici, come l’inappetenza. Ella Berthoud e Susan Elderkin consigliano due letture gustose e succulente, a chi ha perso l’appetito.

Uno è Il Sempione strizza l’occhio al Frejus di Elio Vittorini, definito dalle autrici di Curarsi con i libri “uno dei romanzi più sensuali della storia della letteratura”.

Perdere l’appetito è una cosa terribile. L’appetito per il cibo, infatti, è parte integrante del proprio appetito per la vita. Come conseguenza di vari malanni fisici ed emotivi (questi ultimi includono il mal d’amore, la depressione, il crepacuore e il lutto), la perdita totale  di appetito può condurre in una sola direzione.

L’altro è Il gattopardo di Giuseppe Tomasi di Lampedusa. E qui non si parla solo di cibo: Don Fabrizio Corbera, Principe di Salina, è un chiaro esempio delle varie sfumature di cui può colorarsi il termine “appetito”.

Non si può fare a meno di godere del modo in cui il vecchio patriarca sa apprezzare il mondo dei sensi. Questo è un romanzo che vi aiuterà a ritrovare l’appetito – per il cibo, per l’amore, per la campagna, per la Sicilia con tutta la sua storia e la sua contraddittoria bellezza; per un mondo perduto, e ingiusto, prima della democrazia, e infine per la cosa più importante, la vita stessa.

Add Comment

Acconsento al trattamento dei miei dati secondo quanto esplicitato nella Privacy Policy

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: