Joe & Rika Mansueto Library

Una biblioteca così, secondo me, non l’avete mai vista. Dall’esterno è una cupola di vetro che sembra uscita dal terreno, ma addentrandoci negli spazi interni si apre un mondo di cultura e conoscenza. In grado di stoccare fino a 3,5 milioni di volumi, la Joe & Rika Mansueto Library dell’Università di Chicago è architettonicamente perfetta e tecnologicamente molto avanzata. Paradossalmente nelle foto che vi mostro qui sotto non troverete neanche un libro, ma non spaventatevi i libri ci sono, eccome. Scoprite dove.

Gli spazi

La sala di lettura è sovrastata da una bellissima cupola in vetro che fa entrare la luce e illumina l’ambiente in maniera naturale, rendendo gli spazi davvero confortevoli. Lungo tutto il perimetro e nel centro troviamo tavoli per la consultazione e lo studio, ma sotto i piedi ci sono i libri. Nei sotterranei è stato allestito un immenso magazzino a scaffalature, completamente automatizzato.

Il bello di questa istituzione, infatti, non è solo la struttura architettonica, ma anche il sistema di recupero dei libri completamente automatico. L’ASRS – Automated Storage and Retrieval System, permette di trovare il libro cercato attraverso una semplice ricerca in internet: tale richiesta manderà un input a un braccio robotizzato, che andrà a pescare nel magazzino sotterraneo la scatola che contiene il volume, la consegnerà al bibliotecario che registrerà il prestito e il libro verrà quindi consegnato allo studente. Qualche giorno fa avevo visto una cosa simile in un documentario sulla Volkswagen: le auto nuove, pronte per la consegna ai clienti, venivano stoccate in un grandissimo edificio a più piani e recuperate da un braccio meccanico in pochi secondi. Mai avrei pensato che si potesse fare la stessa cosa in una biblioteca, e con piacere ho scoperto che quella di Chicago non è l’unica: l’elenco è davvero ricco, ci sono la California State University Long Beach e la Marriott Library nello Utah, per restare negli States, ma viene usato anche in Giappone, Canada, Inghilterra, Spagna e Norvegia.

Questo video della University of Chicago ben illustra i vari passaggi.

Certo, si perde un po’ di quella magia che da sempre contraddistingue le biblioteche. Niente più nasi che curiosano tra gli scaffali, niente più passeggiate tra file e file di libri cercando di lasciarsi colpire dalle copertine o dai dorsetti. Ma sicuramente questo sistema rende il prestito e la consultazione più veloci e più efficienti; stiamo pur sempre parlando di una biblioteca universitaria, dove si presume che l’obiettivo principale sia lo studio e la conoscenza.

Il progetto

La struttura è stata intitolata a Joe & Rika Mansueto, i principali finanziatori del progetto curato dall’architetto tedesco Helmut Jahn. I 25 milioni donati dalla coppia americana, infatti, sono serviti per l’ampliamento della vecchia biblioteca del campus, la Joseph Regenstein Library, che è terminato nel 2011 e che la porterà ad essere a breve la più grande biblioteca universitaria del mondo.

Non so voi, ma io guardando queste foto ho ancora più voglia di mettermi a studiare. Trovarsi in una biblioteca come la Joe & Rika Mansueto Library di Chicago deve essere un’esperienza davvero unica. Ci siete mai stati?

Add Comment

Acconsento al trattamento dei miei dati secondo quanto esplicitato nella Privacy Policy

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: