[Incipit] Maschio, bianco, etero

maschio bianco etero

Accavallò di nuovo le gambe, allungato sulla poltrona imbottita, e guardò fuori dalle finestre a tutta parete, fingendo di soppesare la domanda. Da quella postazione, rinfrescato a dovere dall’aria condizionata, alto sopra Century City (non molto lontano, quel nido di vipere che era Hollywood), Kennedy Marr riusciva a vedere a est il centro di Los Angeles sobbollire nell’afa di luglio. «Sobbollire». ’rcatroia, questi americani. Viveva lí da otto anni e ancora non aveva capito che cosa volesse dire «sobbollire». Una via di mezzo tra «bollire» e «non bollire»? Ma allora non sarebbe stato meglio «schiattare dal caldo»? Amen: erano da poco passate le undici della mattina e già si schiattava dal caldo. Questa città idiota, questo insulto alla natura: ritagliare un giardino rigoglioso da un bacino desertico. Tanto valeva mantenere una serra di ventimila ettari nel bel mezzo dell’Artico. Si rese conto che il dottor Brendle – una delle creature piú idiote partorite da quella città idiota, stando a Kennedy – pendeva dalle sue labbra: quel muso serioso e compunto esigeva una risposta. In quel momento Kennedy capí che si era già dimenticato la domanda. Tutt’orecchi, il Nostro.

– Potrebbe, ehm, potrebbe riformulare, per favore? – disse, lisciando i pantaloni di lino e percependo la leggera pressione del mostruoso Screwdriver che s’era scolato in un bar del Santa Monica Boulevard lungo il tragitto, per trovare il coraggio di affrontare questo funesto appuntamento settimanale.

– Allora, proviamo con un altro approccio, – disse Brendle, facendo cliccare il pirolo della penna. – Perché una persona intelligente come te, con un mestiere che dovrebbe richiedere un certo grado di autoanalisi, continua a tenere un comportamento che arreca consapevolmente dolore alle persone che la circondano?

Kennedy fece finta di pensarci su mentre formulava la risposta. Quello che avrebbe voluto rispondere era: «’rcatroia, ficcatela su per il culo ’sta domanda». Immaginò di dirlo, con un pesante accento irlandese, passando dalla lieve cadenza che sfoggiava a uso e consumo degli americani – al ristorante, con le donne, nei talk show – a quello spigoloso di Limerick con cui era nato. Alla fine Kennedy disse: – Non penso che il mio lavoro sia cosí importante, Les. «Non lasciatevi incantare troppo facilmente dai moralisti: predicano come angeli ma razzolano come uomini…» Stronzate di questo tipo.


Autore: John Niven
Titolo: Maschio, bianco, etero
Titolo originale:Straight White Male
Traduttore: Marco Rossari
Genere: Letteratura internazionale
Data prima pubblicazione: 2013 (in Italia nel 2014)
Casa Editrice: Einaudi
300 pagine
Prezzo copertina: 18,50 €
EAN 9788806218171

Acquistalo su Amazon.it con un solo click
Maschio bianco etero

Sinossi:

Kennedy Marr è un donnaiolo, un egocentrico, un narciso. Un uomo baciato dal successo, uno di quei bastardi a cui la vita ha servito le carte migliori. E ha scoperto che Hollywood è un posto formidabile per praticare gli eccessi. Nulla al mondo lo convincerebbe a lasciare la California per tornare nello sprofondo inglese. Ma non ha fatto i conti con l’Agenzia delle entrate. Cosí, quando inopinatamente viene insignito di un prestigioso – e ricco – premio letterario è costretto ad accettare. Anche se ciò significa passare un anno in un college inglese a insegnare scrittura creativa a dei pivelli senza talento. E soprattutto ritrovarsi faccia a faccia coi fantasmi del passato. Dopo lo strepitoso Gesú Cristo protagonista di A volte ritorno, John Niven inventa un altro personaggio iperbolico e irresistibile, un uomo capace di fare a pezzi per sempre la reputazione del maschio contemporaneo.

Add Comment

Acconsento al trattamento dei miei dati secondo quanto esplicitato nella Privacy Policy

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: