[Grandi classici] E le stelle stanno a guardare – A. J. Cronin

Crescere in una famiglia di lettori, qualsiasi sia il genere da loro preferito, aiuta sicuramente ad apprezzare libri e momenti di relax sul divano con, tra le mani, un volume in cui immergersi. Per imitazione, quando ero ancora una bambina, giocavo con i libri e facevo finta di essere una maestra, una bibliotecaria, una studiosa, perché sul tavolino del salotto o sui comodini della camera dei miei genitori c’erano sempre dei libri (così come la Settimana Enigmistica e Donna Moderna). Nessuno mi ha mai imposto di leggere per forza, né – purtroppo – ricordo un genitore o uno zio che mi leggesse fiabe prima di addormentarmi. Nonostante ciò la sola presenza dei libri attorno a me ha fatto sì che io ne fossi attratta, quasi magneticamente. Forse sono stata solo fortunata, ma la passione che tutt’ora mi accompagna – e che sto cercando di trasmettere a nipoti, amici e a voi lettori del blog – è un dono davvero speciale. Come mai un’introduzione così lunga, direte voi? Perché quello che ho scelto come classico del mese è un libro che mi ricorda la mia famiglia. L’ho letto perché mia mamma, un giorno, mi aveva raccontato questa storia, dicendomi che era un libro che lei aveva amato. E anch’io volevo provare quelle stesse emozioni.

vita in miniera

Autore: A. J. Cronin 
Titolo: E le stelle stanno a guardare
Titolo originale: The stars look down
Genere: Letteratura straniera
Data prima pubblicazione: 1935 (in Italia nel 1936)
Casa Editrice: Bompiani
Collana: I grandi tascabili
550 pagine
Prezzo copertina: 12,00 €
EAN 9788845249846

La sinossi recita:
«Sullo sfondo delle miniere del Galles, una storia umanissima di grandi, fondamentali conflitti sociali, civili e sentimentali. Nel cuore dei protagonisti divampa la lotta per ottenere più giustizia, libertà e realizzare finalmente un ideale e un progetto di vita più felice. Molti sono i contrasti e i conflitti che Cronin ritrae con sottile e attenta psicologia, dando ai personaggi una profondità autentica, che si può riscontrare solo nei ritratti dei grandi e affermati romanzieri. Il soffio della vita vissuta è presente in tutto il libro ed è la caratteristica che ha fatto conoscere Cronin».

Ecco, se dovessi consigliarvi un libro questo sarebbe sicuramente da mettere nell’elenco. Nonostante sia stato scritto nel 1935 e racconti le vicende di una miniera e dei suoi lavoratori dall’inizio del Novecento agli anni del primo dopoguerra, è attualissimo, come molto classici. Ci sono tutti gli ingredienti del mondo moderno: l’ascesa al potere immeritata e spregiudicata, la povertà, il cinismo, l’ingiustizia, la sopraffazione del più forte sul più debole. E c’è uno spaccato dell’umanità che comprende qualsiasi tipo di personalità.

Parlando di miniera, ovviamente ci scappa l’incidente e il morto – qui in realtà sono decine le vittime – e c’è la battaglia, di pochi, per cambiare una condizione di fatica e sofferenza che tanta parte ha avuto nella letteratura internazionale. E le stelle stanno a guardare è un libro profondo, dove nella lotta tra bene e male spesso vince il male. La burocrazia connivente, il popolo che ti appoggia e poi ti volta le spalle, vittima di promesse vuote e vane, i valori morali che vengono schiacciati dalla forza del potere. Cronin non rimane fuori da tutto questo, ma prende posizione e supporta i giusti e i deboli, in maniera evidente e palese.

Per comprendere il significato di questo titolo così particolare, dovete leggerlo tutto, fino alla fine. Poi mi direte che ve ne pare.

Add Comment

Acconsento al trattamento dei miei dati secondo quanto esplicitato nella Privacy Policy

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: