Frasi da libri #115

Il Museo della Bomba mi riempì di stupore. Per quanto si sappia tutto, i dettagli della vicenda sono al di là di ogni immaginazione. In quel museo, le cose vengono presentate con un’efficacia che sconfina nella poesia: si parla di quel treno che, il 6 agosto 1945, viaggiava lungo la costa in direzione di Hiroshima, trasportando, tra gli altri, i pendolari del mattino. I viaggiatori guardavano indolenti la città dai finestrini dei vagoni. Poi il treno entrò in una galleria e, quando ne riemerse, i pendolari videro che Hiroshima non c’era più.

(Né di Eva né di Adamo – Amélie Nothomb)

Add Comment

Acconsento al trattamento dei miei dati secondo quanto esplicitato nella Privacy Policy

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: