Benedizione – Kent Haruf | Libro del mese #Maggio

Avevo tanti bei libri da recensire. Poi ho letto Kent Haruf, e il tempo si è fermato. Benedizione, primo capitolo della Trilogia della pianura, è assolutamente il migliore che ho letto negli ultimi 30 giorni, nonostante Renée Knight e la sua La vita perfetta mi abbiamo davvero colpita e Il resto è ossigeno di Valentina Stella sia stato un compagno di nottate insonni davvero meraviglioso. È che questo autore americano, aihmé scomparso pochi mesi fa, ha quel non so che di delicato e poetico, nella sua scrittura – e il traduttore Fabio Cremonesi ha saputo trasferirlo benissimo anche nella nostra lingua – che non potevo lasciarlo cadere nell’oblio delle recensioni “normali”.

Haruf è stato paragonato niente meno che a Hemingway, per la capacità di schierarsi sempre dalla parte del lettore e instaurare con lui una conversazione intima ed empatica. Ed è sicuramente questo uno degli aspetti che rende così magnifici i suoi libri (il secondo capitolo della trilogia è già sul mio comodino). Quando descrive la cittadina immaginaria di Holt, in California, quando racconta le vite di Dad Lewis, della moglie Mary, della figlia Lorraine e del figlio Frank, quando ci presenta le Johnson o ripropone il sermone del reverendo Lyle, è tutto così reale e così vicino che sembra di averci sempre abitato, a Holt.

La prosa asciutta ed essenziale dello scrittore fa sì che i personaggi di Benedizione si insinuino nella nostra mente e diventino da subito nostri amici, dei compagni di viaggio, delle persone comuni e ordinarie a cui ci sentiamo legati. Nonostante le loro vite siano così insignificanti – e forse proprio per questo – sono così simili a noi che ci sembra di conoscerli già.

Il libro ruota attorno agli ultimi istanti di vita di Dad Lewis, al commiato dei suoi concittadini che si recano a salutarlo un’ultima volta, da vivo, e al ripresentarsi dei sensi di colpa e dei rimpianti per un’esistenza trascorsa nella serietà e nella correttezza morale. Il figlio Frank e la vedova del suo ex dipendente gli compaiono più volte in sogno, quasi delle visioni che riportano a galla un passato non proprio limpido.

A fare da cornice le vite degli altri personaggi, uno su tutti il nuovo reverendo Lyle, mandato a Holt come punizione per aver difeso un collega omosessuale, che riesce a farsi cacciare anche stavolta, per un sermone contro la violenza della guerra che sconvolge la popolazione (siamo dopo l’11 settembre).

Le tematiche sono forti, attuali, e offrono moltissimi spunti. Sono proprio curiosa di vedere cosa succederà nel secondo volume.

ps. grazie a Zelda was a writer per avermelo indirettamente fatto scoprire e grazie a NN Editore per aver pubblicato questo autore che merita davvero di stare sulle nostre librerie e sui nostri comodini.

One Response

  1. Avatar Martina

Add Comment

Acconsento al trattamento dei miei dati secondo quanto esplicitato nella Privacy Policy

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: