#anatalesololibri – Libri di arte e storia

I libri spesso sono fatti anche di immagini. I volumi dedicati all’arte, in particolare, sono vere e proprie opere da collezionare. Avete amici o parenti che apprezzerebbero un regalo così? Qui trovate un po’ di idee. Come anche qualche consiglio per regalare un libro a un lettore appassionato di storia, antica e moderna.

Arte

Come politicante e oratore non starà proprio simpatico a tutti, ma non possiamo negare che in fatto di arte Vittorio Sgarbi sia un vero esperto. Il suo ultimo libro Il tesoro d’Italia. La lunga avventura dell’arte è un viaggio alla scoperta dei tesori nascosti nella Penisola, perché il nostro è un paese pieno di sorprese. Per i fedelissimi di Super Quark, invece, c’è Alberto Angela che ci porta alla scoperta della Cappella Sistina. Philippe Daverio, invece, ha di recente pubblicato Guardar lontano veder vicino, che contiene anche una raccolta di Daveriologie «pagine nelle quali la curiosità impertinente dell’autore affronta nuove strade di lettura, attraverso accostamenti insoliti di capolavori e artisti lontani nel tempo e nello spazio». E poi ci sono Alain de Botton e John Armstrong, che ci insegnano a usare l’arte come strumento per migliorare la nostra vita e a dare una risposta ai grandi interrogativi esistenziali (L’arte come terapia, Guanda), un po’ come Berthoud ed Elderkin curano raffreddore, stress e altri malesseri con i libri (Curarsi con i libri, Sellerio). Per chi cerca, invece, un regalo importante – leggi costoso – c’è il Codex Seraphinianus (Rizzoli) di Luigi Serafin: «un codice miniato visionario e misterioso pubblicato originariamente nel 1981 da Franco Maria Ricci», un’enciclopedia illustrata dello scibile umano. Un vero pezzo raro, ripubblicato da Rizzoli in due versioni – trade e deluxe.

Storia

Chi l’ha detto che i libri di storia sono noiosi? Non se sono quelli divertenti e satirici di Luciano De Crescenzo. Giovani o vecchi che siano i destinatari del vostro regalo, sapranno apprezzare: si va dai classici Nessuno. L’Odissea raccontata ai lettori di oggi all’ultimo Gesù è nato a Napoli (giusto per restare in tema). La morte di Nelson Mandela sta ovviamente portando nelle librerie sempre più libri sul grande eroe sudafricano: in uscita a breve ce n’è uno molto interessante del giornalista John Carlin – già autore di Ama il tuo nemico, da cui è stato tratto il film Invictus – Mandela. Ritratto di un sognatore. Lo trovate sugli scaffali dal 2 gennaio, ma è già disponibile in e-book e in edicola, con le riviste del gruppo Mondadori, a soli 12,90 euro. Per la storia di casa nostra c’è la classica strenna firmata Bruno Vespa (Sale, zucchero e caffè, Mondadori) o il libro di Giampaolo Pansa Sangue, sesso, soldi. Una controstoria d’Italia dal 1946 a oggi (Rizzoli). Personalmente consiglio anche Il comandante di Auschwitz di Thomas Harding: so che quello dei lager non è un tema proprio allegro, e da regalare a Natale può sembrare un libro un po’ forte, ma vi garantisco che è una delle più commoventi e profonde testimonianze dell’olocausto che abbia mai letto.

Add Comment

Acconsento al trattamento dei miei dati secondo quanto esplicitato nella Privacy Policy

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: